Il corpo parla fisiognomica

Il corpo parla fisiognomica

La fisiognomica è una disciplina che attraverso la fisionomia coglie indicazioni di caratteri psicologici e morali di una persona dal suo aspetto fisico, soprattutto dai lineamenti e dalle espressioni del volto. 

Il termine deriva dalle parole greche physis (natura) e gnosis (conoscenza).

Premetto che esistono varie linee interpretative dei volti, nessuna migliore dell’altra ma semplicemente ognuna considera degli aspetti e sfumature da una particolare prospettiva.

Innanzitutto del volto si osserva la forma evidenziando quattro tipologie principali riconducibili ai quattro elementi della tradizione ippocratica:

  • Volto squadrato (elemento Terra)

Persone con struttura robusta, compatta, soda e brevilinee, tanti capelli e grossi, peli e barba folti se uomo, sudorazione minima, dormono tantissimo almeno 10 ore, tendono ad acquistare peso e faticare molto a dimagrire, bevono poco. 

Metabolismo: digestione lenta ma buona.  

Temperamento: se in equilibrio sono affidabili, responsabili, tenaci, pratici, amanti delle tradizioni e ancorati alla routine, amano fare per gli altri. Se in squilibrio sono avidi, diffidenti, freddi, anaffettivi, staccati dalle loro percezioni (non sente i dolori).

  • Volto tondeggiante (elemento Acqua).

Persone con struttura espansa ma morbida (non soda come la terra), pelle chiara, andatura lenta, mani e piedi freddi, circolazione lenta. 

Metabolismo: legno, pigro. 

Temperamento: se in equilibrio è empatico, poeta, artista, affettuoso, comprensivo, tollerante.

Se in squilibrio diventa pauroso, indolente, ipersensibile, incapace di dire di no, perde la volontà, ha sensi di colpa e insicurezza e chiede scusa 100 volte, soffre di ansia perché va in confusione e non gestisce più se stesso, non si sente a proprio agio con il corpo fisico.

  • Volto a triangolo (elemento Aria)

La testa è allungata con parte superiore ampia e mento particolarmente stretto e sfuggente. Struttura magra, pelle secca e screpolata, tende ad acidificare, capelli secchi e fini, poca peluria, pelle chiara ma si abbronza facilmente. 

Metabolismo: appetito scarso, tende a bere poco. 

Temperamento: se in equilibrio è curioso, avverso alla routine, socievole, cordiale, generoso, creativo, spontaneo, attento all’estetica, ama viaggiare, ha vena artistica. 

Se in disequilibrio: è lunatico, superficiale, nervoso, indeciso, ha sensi di colpa, dimentica le cose e non le porta a termine, si irrita con niente, tende a esagerare con tutto (zuccheri, alcool, droghe etc.).

  •  Volto squadrato ma con mandibola più stretta (elemento Fuoco)

Struttura robusta, compatta atletica, occhi vivaci e brillanti, capelli biondi o rossicci, carnagione chiara, sudorazione abbondante.

Metabolismo: veloce, digestione rapida ed efficace. 

Temperamento: in equilibrio ha forza di volontà, ottimismo, autostima, magnetismo, altruista e amante libertà, ama essere elogiato. 

In disequilibrio: diventa prepotente, borioso, superbo, si arrabbia se gli altri non fanno ciò che vuole, non accetta compromessi, vuole sempre aver ragione e non sopporta le critiche.

Inoltre  il viso si può dividere su 3 piani: 

  • generalmente tra sommità del capo e linea sopracciglia (per qualcuno zigomi) abbiamo il piano mentale/cerebrale,
  •  tra sopracciglia e base del naso abbiamo il piano affettivo/emotivo 
  • la parte sottostante il naso rappresenta il piano istintuale/ormonale  

L’ampiezza e i segni che troviamo in ciascuna zona ci parlano di quale piano è più sviluppato nella persona e quali disarmonie può presentare.

Vediamo ora alcuni esempi interpretativi di fisiognomica:

Intestino tenue: si legge sulla fronte, sul labbro inferiore (parte interna), sulle sopracciglia (vitalità intestino). Segni di sfoghi cutanei sulla fronte indicano tossine intestinali. I peli delle sopracciglia folti e morbidi indicano un intestino vitale. 

Bocca: si osservano le 2 rughe che congiungono naso e lati bocca, se marcate indicano un intestino affaticato.

Zona tra labbro superiore e naso: zona ovaie/utero o prostata/testicoli. Tante rughe in questa zona indicano disequilibrio energetico. 

Anche i “baffetti” nella donna sono indice di disequilibrio energetico delle gonadi.

Labro superiore indica lo stomaco

Labbro inferiore indica  intestino crasso esternamente e intestino tenue all’interno.

Lati bocca indicano il duodeno (se ci sono taglietti duodeno in deficit energetico)

Labbra molto carnose indicano un’ apparato gastro enterico che fatica a digerire (troppo espanso). Come pure se sono tanto sottili rappresentano troppa contrazione.

Tagli su labbra e secchezza segnalano un eccesso di calore all’intestino o possibile carenza vitamine. 

Per un attento osservatore il viso rappresenta una miniera di informazioni, prova ad osservare il tuo annotando i tratti più caratteristici. 

Paolo Biasi

Naturopata, Riflessologo, Kinesiologo emozionale e Operatore olistico

https://www.facebook.com/paolobiasinaturopata