Soffitta e garage pieni? Riciclo creativo

Soffitta e garage pieni? Riciclo creativo

Noi mamme ogni mattina ci svegliamo e, tra i tanti impegni, l’occhio ci scappa sempre sul disordine in casa, sulle tante cose che non utilizziamo più, sulle camerette dei nostri bambini che, magari, sono piene di vestiti dismessi, di soprammobili diventati vecchi o anche di giochi che sarebbe meglio portare via. 

Ma questo spesso non è tutto: anche le altre stanze, se iniziamo a fare attenzione, sono ricche di cose che butteremmo volentieri.

Allora conviene, prima o poi, fornirci di scatoloni e tanta pazienza, per iniziare a mettere tutto a posto e poi riempire la nostra mansarda, la cantina o il garage.

Ma siamo sincere: il garage, la cantina o la mansarda sono già piene zeppe di cose che avremmo dovuto buttare via!

A questo punto possiamo prendere in considerazione una via creativa, fresca e che dà tutta una nuova vita alle nostre case: il riciclo creativo!

IL RICICLO CREATIVO

Sempre più spesso si sente parlare di riciclo creativo: è una scelta green ed economica per la casa, dimostra spirito di iniziativa, manualità, curiosità e fantasia, e se tutte queste qualità insieme non ci fossero, le si possono stimolare con la pratica.

Avere una casa abitata da oggetti creati da noi, utili anche per le esigenze di tutti i giorni, porta un senso di soddisfazione e rinsalda anche la famiglia: i ricordi importanti non sono mai buttati via, gli utensili diventano personali e tutta la famiglia sente la casa ancora più sua.

ESEMPI DI RICICLO CREATIVO: SCOPRIAMOLI INSIEME

Perché indugiare oltre?

Gli esempi di riciclo creativo sono moltissimi, ogni cosa può essere riutilizzata e ricomposta per nuovi usi. 

Non è tanto importante, perciò, avere una lista fissa di cose che sappiamo di poter riciclare (come i vecchi jeans, o gli appendiabiti, …), ma iniziare ad allenare l’occhio e la mente, avere un modo di pensare che, quando guardiamo una cosa che potremmo buttare, si riesca a vederla sotto una nuova luce.

Ecco qualche pratico esempio per iniziare:

  • Vecchi tappeti: i tappeti sono composti da una rete molto resistente che fa da base a una filatura. Quando quest’ultima è consumata, il tappeto non è più bello da guardare, ma è ancora ottimo per tanti usi. Ad esempio, può fare da ‘pavimento’ per le cucce o le cassette dei nostri animali domestici, semplicemente tagliandolo; oppure se abbiamo un musicista in casa (i nostri figli ci passano quasi tutti prima o poi) come base delle prove. I tappeti, infatti, impediscono alle vibrazioni sonore di espandersi al pavimento, rendendo il suono più compatto (guardate le foto delle sale prove dei professionisti per crederci!).
  • Polistirolo: di polistirolo ne sono piene le case, soprattutto da quando la merce è quasi più spedita che comprata fisicamente nei negozi. Il suo riutilizzo è facile e veloce: tagliamolo e coloriamolo per fare addobbi! Sarà un’attività molto più divertente che la carta e il cartoncino che usiamo di solito (immaginate alberelli di polistirolo rosso sull’albero di natale), oppure se abbiamo un giardino può essere usato come vaschetta provvisoria di pianticelle in attesa del travaso.
  • CD: chi non ne ha tantissimi nascosti in ogni angolo della libreria? Negli Stati Uniti vengono usati quasi solo per decorare mobili ‘invecchiati male’. Se avete un tavolo, preparate il ripiano, create una composizione con i cd e poi immergeteli nella resina da restauro o semplicemente copriteli con una lastra di vetro. Con la luce giusta faranno giochi di colore inaspettati!
  • Pallet: ormai nelle trasmissioni di interior design ci siamo abituati a vederli assemblati, pitturati di bianco e usati come poltrone e divani molto alla moda.
  • Tappi di sughero: se vi dicessi che potete anche farvi dei massaggi con i tappi di sughero? Infilateli lungo una cordicella e poi unite molte cordicelle fatte allo stesso modo. Ne uscirà una rete di tappi da mettere sullo schienale della poltrona: la circolazione verrà riattivata!
  • Vecchie riviste: se abbiamo scaffali pieni di vecchie riviste, soprattutto quelle patinate di moda che hanno una carta particolare, usiamole per imballare oggetti fragili da mettere via, sono perfette! Le facciamo a palla e le infiliamo nella scatola insieme agli oggetti da salvare.
  • Pneumatici: negli anni ’80 erano diventati un cult dell’arredamento, con tavolini e sedie, ma oggi non siamo più tanto convinti di quelle scelte… Però sono ancora perfetti per sostituire il sellino di un’altalena oppure, se riusciamo a tagliarli, per fare da paraurti alle pareti del garage o del box dove parcheggiamo la macchina.

Altre idee o esperimenti che ti sono riusciti? 

Fammelo sapere, mandami le tue foto!

Arts and crafts