Aloe Vera, una pianta mille proprietà

Aloe Vera, una pianta mille proprietà

L’Aloe Vera è una pianta succulenta, impropriamente chiamata “pianta grassa”. Appartiene alla famiglia delle Aloeaceae, predilige i climi caldi e secchi.

Si tratta di una pianta nota a tutti per le sue innumerevoli proprietà curative.

Essa si presenta come una pianta arbustiva, con foglie di 40-60 cm disposte a ciuffo, lungamente lanceolate, con spine solo lungo i lati, apice acuto e presentano una cuticola molto spessa. Inoltre sono molto carnose per gli abbondanti parenchimi acquiferi contenuti al loro interno.

Come già detto, questa pianta predilige i climi aridi, ma non essendo una pianta fragile è coltivata in piantagioni in quasi tutti i continenti che presentino un clima mite, fra cui anche l’Italia.

L’aloe vera ha una grande storia. Le sue prime testimonianze, ritrovate sul finire dell’Ottocento da un gruppo di archeologi, sono state rinvenute in alcune tavolette d’argilla, nella città mesopotamica di Nippur, nei pressi di Bagdad (Iraq) e databili attorno al 2000 a.C.

Nei testi si legge: «… le foglie assomigliavano a foderi di coltelli». L’aloe era nota anche presso gli egizi, tant’è che se ne ritrova una citazione nel “papiro Ebers” del 1550 a.C. I suoi utilizzi principali erano la preparazione per l’imbalsamazione (da qui, “pianta dell’immortalità”), la cura e l’igiene del corpo e la cicatrizzazione. Viene citata spesso anche nella Bibbia come pianta aromatica o per la preparazione degli unguenti prima della sepoltura.

Lo studio sistematico di questa pianta ebbe inizio solo nel 1959 grazie al farmacista texano Bill Coats, che ne intuì le reali possibilità, fino ad arrivare ai nostri giorni, in cui numerose creme o medicinali ne contengono l’estratto.

L’aloe vera ha due produzioni principali, con differenti utilizzi: il succo e il gel.

Il succo condensato è ottenuto prevalentemente dai tubuli esterni, situati al di sotto dell’epidermide della foglia. Esercita un forte effetto rigenerante sul tratto digestivo e, grazie alla sua capacità di sciogliere il muco, aiuta lo svuotamento dell’intestino e facilita l’assorbimento delle sostanze nutritive. L’aloe inoltre stimola la depurazione del fegato, aiutandolo a produrre il glutatione, un antiossidante fondamentale per la produzione dei globuli bianchi, potenziando così anche il sistema immunitario.

Il gel fresco, racchiuso nelle foglie carnose, ha un effetto rigenerante sui tessuti. Il suo uso topico è particolarmente efficace nella maggior parte dei casi di problemi alla pelle, quali dermatiti, infiammazioni, acne, escoriazioni, ferite superficiali, punture d’insetto, ustioni lievi o bruciature solari. Inoltre, l’aloe vera ha un’azione schermante nei confronti dei raggi UV, migliora la microcircolazione ed è l’ingrediente principale di tutti i cosmetici antiage, poiché stimolando la produzione di collagene rende più bella la pelle, regalandole un effetto lifting naturale.

Lascia un tuo commento